• Home
  • News
  • "Caso benzina": l'obbligo di e-fattura slitta a gennaio 2019

"Caso benzina": l'obbligo di e-fattura slitta a gennaio 2019

  • Martedì, 26 Giugno 2018
"Caso benzina": l'obbligo di e-fattura slitta a gennaio 2019

di Redazione


Giornata decisiva quella di ieri per la sorte dell’obbligo della e-fattura per le cessioni di benzina o di gasolio, destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori.

Il confronto tra il ministro dello Sviluppo economico e Lavoro e i sindacati ha condotto allo slittamento dello switch off per quelle categorie definite “cavia” della fatturazione elettronica, tra cui i benzinai, che hanno dunque revocato lo sciopero previsto per oggi. In queste ore al ministero dell’Economia è in corso la stesura del decreto dignità contenente la norma che legittimerà il rinvio dell’obbligo al 1°gennaio 2019.  A questo slittamento occorre sommare l'eccezione che già interessava i rivenditori di carburanti, riguardo l' obbligo di conservazione a norma delle fatture attive e passive, dal quale sarebbero ancora esonerati per qualche anno.

La proposta, su cui sono al lavoro il ministero dell’Economia e quello dello Sviluppo economico, prevederebbe infatti di rinviare l’adozione definitiva della e-fattura, inizialmente prevista per il 1° luglio, istituendo nel frattempo un doppio canale per gli adempimenti Iva, analogico e digitale. Per ulteriori sei mesi, la tracciabilità della cessione di benzina nei confronti dei titolari di partita Iva potrebbe continuare sia con l’utilizzo dei vecchi strumenti, quale la scheda carburanti ancora in vigore, che con l’emissione della e-fattura, nel caso il distributore sia già attrezzato. Il rinvio delle nuove norme sarebbe pertanto (quasi) a costo zero.

Ricordiamo che l’iter di adozione della fattura elettronica per il "caso benzina" ha avuto inizio lo scorso aprile, quando il Consiglio Ue aveva autorizzato l’Italia a introdurre l’obbligo per tutti i soggetti passivi stabiliti sul territorio italiano – ad esclusione, tra gli altri, dei soggetti passivi che beneficiano della franchigia per le piccole imprese – prevedendo così di convogliare le fatture nel Sistema di Interscambio (Sdi) gestito dall’Agenzia delle Entrate.

L’allora governo Gentiloni individuava nell’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria, tramite Sdi, un perno nella lotta all’evasione, in grado di consentire all’amministrazione tributaria di acquisire in tempo reale le informazioni contenute nelle fatture emesse e ricevute dagli operatori e di fare controlli tempestivi e automatici in merito alla coerenza degli importi Iva dichiarati e versati. Un perno le cui tempistiche di adozione capillare sembrano slittare di ancora mezzo anno.

 


D&L Communication è segreteria organizzativa delle Associazioni:

CONTATTI

D&L Department - Studio Legale Lisi
Via M. Stampacchia, 21 - 73100 LECCE - Tel e fax: +39.0832.25.60.65 

segreteria@studiolegalelisi.it 

Digital & Law Department S.r.l.
Via M. Stampacchia, 21 - 73100 LECCE - Tel e fax: +39.0832.25.60.65

P.IVA: 04372810756 - info@digitalaw.it - digitalaw@pec.it 

Studio Legale Lisi
Via V. M. Stampacchia, 21 - Piano Terra - 73100 Lecce - Tel /Fax: +39.0832.24.48.02 

info@studiolegalelisi.it 

Segreteria di Milano
Piazza IV Novembre, 4 - 20124 - Milano - Tel 02.671658188 Fax 02.67165266

Domicilio a Roma